DOMANDE E RISPOSTE
Di cosa è fatta la luce solare?

Oltre alla luce visibile, la luce solare è costituita principalmente da radiazioni infrarosse, che percepiamo come calore, e da circa il 5% di radiazioni ultraviolette (UV).

• Le radiazioni UV-C non penetrano nell'atmosfera  e quindi non raggiungono la superficie terrestre.

• Le radiazioni UV-B sono indebolite dallo strato di ozono, ma una piccola parte di esse raggiunge comunque la superficie terrestre. Le radiazioni UV-B, che penetrano solo nell’epidermide senza raggiungere il derma, assicurano l'accumulo della pigmentazione della nostra pelle e sono responsabili di una bella abbronzatura, della formazione di vitamina D, ma anche in dosi eccessive possono provocare scottature e eritemi.

• Le radiazioni UV-A raggiungono la superficie terrestre quasi senza ostacoli. A differenza dei raggi UV-B questo tipo di raggi ultravioletti raggiunge anche il derma profondo. Assicurano che i pigmenti della pelle si scuriscano, il che si traduce in abbronzatura.

L'intensità e l'esatta composizione della radiazione solare (soprattutto dei raggi UVB) dipendono da vari fattori come l’ora del giorno, la stagione, l’altitudine, la latitudine, la presenza di nuvole, l'eventuale inquinamento atmosferico e il riflesso sul terreno. Nel solarium ci sono solo raggi UV-A e UV-B che raggiungono la tua pelle in dosi controllate.

Come mantengo più a lungo la mia abbronzatura estiva?

La tua pelle si rinnova periodicamente e nel processo perde le cellule dell’epidermide. Con la giusta cura puoi fare in modo che l'abbronzatura duri più a lungo.

Ecco alcuni suggerimenti:

1. Evita di fare docce lunghe e calde perché potresti rovinare il film idrolipidico della pelle. Inoltre è sempre meglio usare doccia-schiuma con pH neutro quindi più delicato.

2. Mantieni sempre la tua pelle idratata. Usa lozioni e creme idratanti subito dopo aver preso il sole e dopo la doccia.

3. Supporta il fabbisogno idrico giornaliero bevendo molta acqua, tè o bevande senza zucchero (almeno 1,5 litri al giorno).

4. prosegui con un programma di mantenimento presso un solarium per mantenere più a lungo una bella abbronzatura vacanziera!

Che cos’è effettivamente l'abbronzatura?

L’abbronzatura è la reazione del nostro corpo per proteggersi dal sole, impedendo ai raggi UV di penetrare troppo in profondità. 

Quando i raggi solari colpiscono l’epidermide, essa reagisce mediante un ispessimento protettivo. La componente UV-B della luce stimola la formazione della melanina. La stessa, contenuta nello strato basale dell'epidermide, risale verso gli strati più vicini alla superficie visibile della pelle. Nel corso di questo spostamento, la melanina si ossida e assume un colore scuro, per formare la cosiddetta abbronzatura. Siccome questo processo richiede un po’di tempo ci si abbronza gradualmente. La componente UV-A della luce solare assicura che la melanina che si è già formata sia colorata negli strati esterni della pelle, in modo visibile subito. Questa combinazione assicura un ottimo risultato abbronzante e allo stesso tempo una migliore protezione del proprio corpo.

A cosa devo prestare attenzione quando devo scegliere un centro di abbronzatura?

Quando scegli un centro di abbronzatura dovresti assolutamente prestare attenzione alla qualità. Questo ovviamente include una perfetta pulizia e igiene!

Anche una consulenza competente è indice di qualità: i gestori dovranno darti consigli gratuiti per creare un piano di abbronzatura individuale basato sul tipo di pelle ed il livello di abbronzatura. Dovranno fornire sempre occhialini di protezione dai raggi UV disinfettati o monouso. Solarium moderni magari di noti produttori come Ergoline sono indice di attenzione maggiore alla qualità del servizio che si vuole offrire.

Ho bisogno di utilizzare la protezione solare nel solarium?

No, non occorre applicare la protezione solare prima di usare il solarium, potrebbe servire solamente nel caso si voglia abbronzare una parte del corpo mai esposta precedentemente ai raggi UV oppure nei o tatuaggi. Nei centri di abbronzatura riceverai consigli su misura per il tuo tipo di pelle e un piano di abbronzatura personalizzato. La dose di UV è definita con precisione nel solarium e questi dati permetteranno di scegliere i giusti tempi della sessione per ogni tipo di pelle

 

Devo rimuovere il trucco prima di utilizzare il solarium?

Dovresti evitare di usare trucchi, profumi o altri prodotti cosmetici durante la seduta di abbronzatura perché la combinazione di luce ultravioletta e cosmetici può, in alcuni casi, creare reazioni allergiche. Quindi struccati prima della tua seduta nel solarium.

Perché dovrei indossare occhialini di protezione dai raggi UV nel solarium?

La luce solare contiene raggi UV che potrebbero danneggiare la retina. Nel solarium dovresti quindi tenere gli occhi chiusi e indossare occhialini protettivi. Tenere gli occhi chiusi non è sufficiente, perché le palpebre, da sole, non sono in grado di proteggere gli occhi dai raggi. Nei centri di abbronzatura riceverai gli occhialini protettivi prima di ogni seduta di abbronzatura.

 

Perché la mia pelle ha un odore strano dopo l'abbronzatura?

Non preoccuparti, l'odore particolare dopo la sessione di abbronzatura è abbastanza normale. Si ritiene che questo odore sia causato dai raggi UV che scompongono alcune parti della pelle, come gli acidi grassi e il sebo.

Posso utilizzare il solarium durante la gravidanza?

Utilizzare il solarium durante la gravidanza non è un problema perché i raggi UV penetrano solo nello strato superiore della pelle. Se riesci a tollerare bene il sole naturale e non hai problemi circolatori puoi teoricamente utilizzare il solarium. Importante è non utilizzare solarium eccessivamente caldi, sarebbero da prediligere quelli climatizzati. Tuttavia, è meglio discuterne prima con il tuo medico.

Posso andare al solarium se sto assumendo antibiotici?

Occorre evitare di prendere il sole naturale o sottoporsi a sedute nei solarium durante l’assunzione di antibiotici, potrebbe dare luogo a reazioni di fotosensibilizzazione. La tua pelle potrebbe essere più sensibile ai raggi UV durante l’assunzione e potrebbero manifestarsi irritazioni della pelle, comparsa di macchie rosse o di bollicine.

Posso andare al solarium se ho una cicatrice fresca?

No, dovresti proteggere una cicatrice dal sole per almeno tre mesi con indumenti resistenti ai raggi UV o protezioni solari. I raggi UV possono portare ad uno spostamento del pigmento nell'area della ferita facendo diventare la pelle permanentemente più chiara o più scura. In caso di dubbio, consultare il proprio medico.

Posso andare al solarium e prendere il sole lo stesso giorno?

Non è assolutamente consigliabile farlo. Se superi la tua dose giornaliera di radiazioni UV rischi di scottarti. Dovrebbero passare almeno 48 ore tra una seduta e l‘altra. Si consiglia un massimo di 50 sedute durante tutto l'anno.

Perché la mia pelle non si abbronza in modo uniforme?

Questo perché alcune aree della pelle hanno più cellule che formano i pigmenti di altre. Ad esempio, l'interno delle braccia e delle gambe si abbronza più lentamente, mentre l'esterno si colora più velocemente. Anche il viso si abbronza in modo relativamente lento perché ha uno strato corneo più spesso che viene utilizzato specialmente per proteggere dai raggi UV-B. Le lentiggini e le macchie di pigmento invece, hanno un numero particolarmente elevato di pigmenti abbronzanti e per questo si scuriscono molto rapidamente

Perché mi escono punti chiari su scapole e fondoschiena dopo la seduta abbronzante?

Le aree della pelle sottoposte a pressione quando ci si sdraia nel solarium hanno un po‘ meno apporto di sangue, il che può portare ad una minore colorazione dei pigmenti in queste aree e di conseguenza, i tipici punti chiari compaiono su scapole e fondoschiena dopo la seduta abbronzante. La cosa migliore da fare è andare in un salone di abbronzatura che dispone di lettini con superfici più ergonomiche possibile in modo da avere una superficie di appoggio maggiore e minori punti di pressione. Alternare qualche seduta di doccia solare ai lettini favorisce l’eliminazione degli eventuali punti chiari.

Cosa fare se ti scotti al ​​sole?

Se ti scotti leggermente al sole, dovresti prenderti qualche giorno di riposo dal sole e applicare regolarmente prodotti idratanti sulla pelle. È anche importante che tu beva molti liquidi durante questo periodo. In caso di gravi scottature solari è meglio consultare un medico o chiedere consiglio al farmacista. Importante: una volta passata la scottatura riduci il tempo di abbronzatura e fatti consigliare sul tempo di esposizione nel tuo salone di abbronzatura.

Devo sudare per abbronzarmi?

No, non devi sudare per abbronzarti! Se c'è vento sulla spiaggia ti abbronzerai come quando non c’è. I moderni solarium vi coccolano con una potente ventilazione, con aria condizionata ed in alcuni casi, anche con essenze nebulizzate in modo che la seduta sia particolarmente piacevole. Questa funzione è chiamata "Aqua Fresh". Così puoi goderti la seduta rilassandoti e avendo la garanzia di non sudare. La tua abbronzatura sarà comunque altrettanto bella.

Quando dovrei usare la protezione solare?

L’abbronzatura è già una protezione naturale prodotta dal tuo corpo. Ovviamente ogni tipo di pelle reagisce al sole in modo differente. Il tempo di autoprotezione per le persone dalla pelle molto chiara e con i capelli biondi o rossi può essere inferiore a 10 minuti. Se vuoi stare al sole più a lungo di quanto sarebbe raccomandato per il tuo fototipo, dovresti utilizzare la protezione solare.  Il fattore di protezione solare (SPF) è un indice utilizzato per rappresentare il livello di protezione di un prodotto solare contro i raggi UV. Un SPF più alto aumenta il tempo di esposizione protetta al sole. Per esempio, un prodotto solare con SPF20 ti permette di esporti al sole per un tempo 20 volte superiore a quello per cui potresti esporti al sole senza ustionarti, a seconda delle capacità di auto-protezione della pelle. Quindi: se, in base al tuo fototipo, hai è previsto un tempo di autoprotezione di 15 minuti e applichi la protezione solare con SPF20, puoi stare al sole fino a 300 minuti al giorno. Nota Bene: la sudorazione diminuisce l'effetto della protezione.

Non hai bisogno della crema solare nel solarium perché la dose UV è definita con precisione. Il presupposto è che il solarium venga utilizzato solo per il tempo adatto al tuo tipo di pelle e alla tua abbronzatura. Quindi chiedi consiglio al centro di abbronzatura prima di utilizzare il solarium.

Cosa devo considerare quando uso la protezione solare?

Oltre al giusto fattore di protezione, dovresti assicurarti di applicare la crema solare in quantità sufficiente e riapplicarla regolarmente perché sudare o fare il bagno può ridurne l'effetto. Non hai bisogno della protezione solare nel solarium perché la quantità di UV è dosata con precisione ed è quindi sufficiente adeguare il tempo della seduta al tempo di autoprotezione della tua pelle.

Quando non dovrei andare al solarium?

Tipo di pelle: se hai un tipo di pelle estremamente sensibile e ti scotti rapidamente al sole dovresti evitare di utilizzare il solarium. Lo stesso vale se hai molte lentiggini, molti nei o nei atipici. In caso di dubbio parla con il tuo dermatologo e assicurati di ottenere consigli sul tuo tempo ideale di seduta nel centro di abbronzatura.

Malattie precedenti: se tu o i tuoi familiari avete o avete avuto un cancro della pelle o se siete generalmente predisposti al cancro della pelle vi sconsigliamo di utilizzare il solarium.

Farmaci: mentre stai assumendo farmaci fotosensibilizzanti (ad es. Antibiotici) dovresti evitare il solarium così come l’esposizione al sole naturale.

Scottature solari: se si ha una scottatura solare acuta, non utilizzare il lettino abbronzante.

Età: la visita al centro di abbronzatura è consentita solo a partire dai 18 anni indipendentemente dal fatto che il rappresentante legale abbia fornito o meno il consenso.

Cos'è un solarium ibrido?

Molti solarium moderni hanno la cosiddetta tecnologia Hybrid Performance o Hybrid Light.

Ma cosa significa in realtà? "Ibrido" significa che due diverse tecnologie sono combinate tra loro. I solarium ibridi combinano due diversi spettri di luce. La luce UV (UVA e UVB) è integrata con la Beauty Light rossa. I raggi UV del sole sono responsabili dell’abbronzatura naturale ma hanno ulteriori effetti biopositivi, come per esempio produzione di vitamina D. La Beauty Light rossa si prende invece cura della pelle durante l'abbronzatura. L'effetto rivitalizzante e curativo della pelle è stato confermato in numerosi studi. In combinazione con la luce UV la Beauty Light rende la pelle particolarmente piacevole al tatto. La tipica tensione cutanea dopo l'esposizione al sole si attenua e la pelle risulta maggiormente morbida. Poiché la luce rossa stimola anche la produzione di ossigeno nella pelle, i solarium con tecnologia ibrida regalano un'abbronzatura particolarmente bella, fresca e naturale, senza aumentare la dose di UV.

Effetti anti-età grazie alla luce. E’ possibile?

Ovviamente non è possibile riportare indietro il tempo, ma con una luce speciale, la cosiddetta Beauty Light, puoi ridurre in modo naturale i sintomi dell'invecchiamento cutaneo.

Beauty Light aumenta la produzione di collagene attenuando le rughe e rassodando visibilmente la pelle. L'efficacia di Beauty Light è stata confermata non solo da migliaia di utenti, ma anche da una ricerca dell'Università di Ulm (Germania) e da uno studio medico dedicato .
 

Effetti comprovati della Beauty Light rossa:

• Accumulo di collagene nella pelle

• Incarnato migliorato

• Pelle più piacevole al tatto

• Pelle più liscia

• Meno rughe

Nei moderni solarium, la Beauty Light, riduce gli effetti indesiderati del sole. La combinazione di Beauty Light rossa e luce UV è chiamata "Hybrid Light". Dopo la seduta la pelle risulta particolarmente morbida e la tipica tensione si attenua. Otterrai così un'abbronzatura particolarmente fresca e naturale.